Sa(n)remo spettatori occasionali

Eccolo qua, Sanremo è tornato.
Come le stagioni, come il volo delle rondini e come Berlusconi.
Ieri sera è iniziato il Festival della canzone Italiana per eccellenza, secondo forse solo a Castrocaro e il FestivalBar. Quanto mi manca il FestivalBar....

Comunque, sebbene la sottoscritta non abbia mai seguito un'edizione per intero, quest'anno ho deciso di farlo dato che, tra le nuove proposte, c'è un cantante che fa impazzire me e le mie colleghe: Lorenzo Baglioni.
Che no, non è minimamente imparentato con Ken il fidanzato di Barbie Claudio Baglioni, direttore e presentatore di suddetto Festival (anche se mi sorge il triste dubbio che l'abbian preso proprio per aumentare l'audience grazie a questa mezza omonimia). 
Così, per la prima volta in 28 anni, ho guardato Sanremo. Ok, per il momento ho visto solo metà della prima puntata ma sto cercando di rimediare tramite Rai Play.
Come mai ne ho vista solo metà? Perchè ieri sera ho commesso l'errore più grande che uno spettatore del Festival possa mai fare; ho guardato lo spettacolo in compagnia del mio ragazzo.
Fidanzato che, oltre ad essere la mia dolce metà e il mio compagno preferito di scorpacciate, è anche un musicista.
Ecco, guardare un qualsivoglia festival musicale in compagnia di un musicista rientra tra i "100 migliori modi per litigare".
Infatti non c'è stata esibizione canora in cui lui non abbia trovato una pecca. Si è lentamente trasformato in un ibrido tra la Maionchi e Sgarbi.
E quella non c'ha voce, e questa canzone è una scopiazzatura di un altra, e non ci credo che la canzone di Ron sia un inedito di Dalla l'avrà detto solo per avere più chanche di vincere, e mamma mia com'è peggiorata la zeppola di Gazzè...

<<Amore ma a te piace Gazzè!>>
<<Sì, ma non quando fa canzoni stile cantastorie. Dov'è finito il caro Gazzè di un tempo?! Dov'è colui che cantò "Una musica può fare nirinni naranna"??>>
<<Non credo che "nirinni naranna" faccia parte del titolo...>>
L'unica cosa per la quale non si è lagnato son state le tette della Hunziker che han distrutto tutte le teorie sulla forza di gravità.

<<Guarda che dolce, fa le dichiarazioni d'amore in diretta a suo marito! Tu non hai mai lasciato i palchi per venirmi a baciare nè, tanto meno, m'hai mai dedicato una canzone! Perchè non sei romantico come Michelle?>>
<<Perchè io suono, non posso certo lasciare tutto a metà per darti un bacio! Te li do dopo, quando corro ad abbracciarti.>>
Certo, fai il romantico solo dopo, quando sei sudato come un cinghiale in una sauna e nessuna delle sgallettate che ti segue ci vede e decide di mettersi il cuore in pace invece di farti 300 foto durante i tuoi assoli. Insensibile. 

Vi giuro, non ho potuto sentire nemmeno una canzone in pace.
Soprattutto quando sul palco si son presentati cantanti come la Vanoni, Morandi, i Pooh in ogni loro forma e frazione e chiunque altro abbia almeno 30 anni di carriera musicale alle spalle.

<<Mamma mia, ma è il Festival di Sanremo 2018 o 1918?!?>>
<<Effettivamente sembra che lo facciano solo per riesumarli...>>
<<Baglioni, Morandi...LA VANONI! Cazzo, la Vanoni è più osteoporosi che donna!>>
<<Eddai, ancora c'ha voce. Certo, le canzoni mi sembrano un poco tutte uguali ormai, ma riesce ancora a fare ciò che ama...>>
<<Sì, ma c'è un tempo per tutto! Vedi per esempio Mina, che ha saputo lasciar le scene con classe e il suo mito vaga in eterno nel mondo della musica.>>
Tiè, a questa affermazione è partita la pubblicità della Tim con la voce di Mina.
<<Scusa amore, dicevi?>>
<<Lascia stare, m'è crollato un mito...>>

Ma la cosa peggiore tra tutte, signori miei, è il fatto che non si è liberi di esprimere alcun commento. Ma proprio nessuno, specie se sui cantanti in gara.
E se lo si fa c'è il rischio di generare una guerra. Parte l'ira funesta che infiniti addusse lutti a gli Achei.

Scena: esibizione dei The Kolors (che non ho mai seguito con particolare interesse, lo giuro).
<<E mo' chi sono questi?>>
<<Sono una band uscita da Amici qualche anno fa...son quelli che cantavano "Oh oh ohhh", non so se ricordi....>>
<<Ma è un Festival o un'appendice dei talent show?!>>
<<Diciamo tutti e due. Però mi sta piacendo questa canzone, quanto meno è diversa dalla solita trita canzone da Sanremo.>>
<<Ti sta piacendo questa canzone? TI STA PIACENDO?!>>
<<Perchè che ha di sbagliato?!>>
<<E' la solita canzone pop scritta a tavolino e cantata da personaggi creati a tavolino per attirare le ragazzine! I soliti sbarbatelli vestiti in modo eccentrico per accalappiare fan e far diventare milionarie le case discografiche!>>
<<Beh scusa, secondo te Mogol le canzoni dove le scriveva? Sul cesso?! Tutte le canzoni sono state fatte "a tavolino", sia per i grandi che per i meno grandi!>>
<<Che c'entra, hai capito cosa voglio dire! Ma tu guarda, io ti faccio ascoltare band come i Led Zeppelin, The Doors, Pink Floyd, Rem...e a te piacciono 'sti bambini??>>
<<Veramente il cantante ha la mia età.>>
<<E tu come fai a saperlo?! Ti piace?!>>
Ho dovuto stordirlo con il liquore al cioccolato per farlo smettere.

Ma il clou del clou è arrivato nel momento stesso in cui c'è stato il siparietto Fiorello-Baglioni-Pausini. A sentir cantare Baglioni ha dato di matto in una lingua incomprensibile. Un misto tra siciliano, italiano e credo frasi tratte da canzoni rock.
<<No ehhh, già è tanto che faccia il direttore artistico e pure il presentatore!! Anche cantare no e che stracazziiii!!>>
E' talmente partito per la tangente che per distrarlo ho dovuto lanciargli contro il mio cane con annessa pallina da riporto.

<<Dobbiamo sorbircelo tutto?>>
<<No, tranquillo, eventualmente guarderemo solo le esibizioni di Lorenzo Baglioni.>>
<<Stai scherzando, vero? Ok, fa canzoni interessanti e divertenti, ma dai, il Festival di Sanremo è un'offesa alla vera musica.>>
<<Guarda che uno degli ospiti della seconda serata sarà Sting.>>
<<Sting? Quello Sting?>>
<<Sì.>>
<<Ah.>>
<<Eh.>>
<<E chi altri?>>
<<Stando al sito ci saranno anche quelli del Il Volo.>>
<<Ecco, lo vedi o no che è un'offesa per la vera musica?! Sting e Il Volo insieme, o santa Stratocaster...>>

La posso chiedere o no, dopo nove anni insieme, una pausa di riflessione di qualche giorno? Giusto il tempo che finisca Sanremo, lo giuro! Poi tornerò ad amarlo così come la Hunziker ama suo marito, Baglioni (Claudio) ama il botox e tutti gli spettatori amano Beppe Vessicchio!

Commenti

  1. Tuo moroso ha ragione. Stima incondizionata per lui :D. Anche a me Gazzé mi ha deluso, ma sono sicuro che la sua canzone con il tmepo mi piacerà. Di quello che ho sentito (anche se con belle stonature) mi è piaciuto solo (ma tanto) il pezzo de "Lo stato sociale". Per il resto l'ho seguito però solo fino alle 23, mentre cazzeggiavo allegramente al pc.

    RispondiElimina
  2. Se vuoi te lo mando per la prossima puntata xD Comunque sia chiaro che non reputo il Festival di Sanremo l'unico modo per ascoltare ottima musica (i cantanti che mi piacciono non hanno MAI partecipato a Sanremo), però alla fin fine è uno spettacolo di musica pop e come tale dev'esser guardato senza cadere nell'ipercriticità! E credimi, il mio ragazzo è mooolto critico :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a Sanremo ci sono affezionato, quando ero piccolo era un rito di tutta la famiglia, poi sì, alla fine erano più i cantanti e le canzoni che si beccavano il buuh che quelli apprezzati. Negli ultimi anni lo sento meno come rito, lo guardo con più distacco.

      Elimina
    2. No, per fortuna a casa mia non è mai diventato un rito xD Soprattutto perchè i cantanti italiani che piacciono a mio padre son tutti morti o poco prima della mia nascita o pochissimo dopo xD Quindi non gli va di seguirlo!

      Elimina
  3. Quanto ha ragione porcaccia la miseria. Davvero 1918 haha uguale. Baglioni mio dio, no. Davvero cos'è una presenza? Ken come hai detto tu?! Mamma mia la mummia. E gli altriiii?! L'ho seguito qua e là e sinceramente è diventata una palla colossale. Non che negli ultimi anni sia stato 'sta gran cosa, tra Gabbani etc.. sinceramente niente mi ha stupito granché, forse l'anno scorso Bravi, qualcun altro che ho rimosso negli anni precedenti, ma altri santa maria no. Noemi, mi piace il suo tono, non è male, gli Elii anche loro sono diventati un pò uguali. Poi con sta storia che si devono o non devono separare, che non si sa se scherzano o meno. Gazzè, il mio adorato Max non ha espresso la sua veridicità che tanto lo distingueva. Gli altri boh, Biondi, mi ha lasciato di sasso, anche lui boom botta di muerte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema di Sanremo è che ormai viene visto come una formula brevettata che non deve essere cambiata! Inutile ribadire che "siamo social, c'abbiamo il trendtopic eccc" se poi è sempre la stessa solfa ogni anno, caso più caso meno! Ha bisogno di esser un poco svecchiato, sia come cantanti che come scaletta in sè....ma soprattutto chi lo spiega a Baglioni che non è in gara e non ha senso che canti ininterrottamente?! xD

      Elimina
  4. Come diceva Luttazzi: "in Italia non abbiamo la pena di morte, però abbiamo il festival di Sanremo."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conoscevo questa massima di Luttazzi (anche perchè non ne sono una fan), ma è molto veritiera xD Che poi basterebbe davvero poco per renderlo più interessante e coinvolgente!

      Elimina
    2. In realtà il problema vero sono da sempre le polemiche. La musica è l'ultima cosa di cui si preoccupa a Sanremo. Del resto la sua morte è stata decretata quando Emanuele Filiberto e amici (peraltro scopiazzando una celebre cantata) sono arrivati secondi.

      Elimina
    3. Quella di Emanuele Filiberto fu una delle prese in giro più grandi al mondo -.- Ma la morte del Festival credo sia arrivata prima, forse durante gli anni '80 con le politiche che adottava (es: costringere i QUEEN, ospiti internazionali, a cantare in playback!)

      Elimina

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I PIU' LETTI